Case di Riposo ed RSA

Geriatriiko - Case di Riposo - Servizi Sanitari - Mobilità - Blog Anziani

Home Blog Aziende Accedi
Lombardi Alessandra

Lombardi Alessandra

28 anni, laureata in Lingue straniere per l'Economia a Verona. È concierge e addetta al ricevimento in un prestigioso hotel, ma nel frattempo desidera dare una svolta digitale alla sua carriera. D'altronde, il contatto con il pubblico può essere bello, ma grazie a Internet si riesce a raggiungere molte più persone! Crede fermamente che nessun anziano debba sperimentare la solitudine intesa in senso negativo. Con i suoi articoli desidera rendersi utile e dare un sostegno virtuale ai lettori!

Chi deve affrontare le difficoltà della demenza senile in famiglia sceglie di farsi un’idea su cos’è questa malattia. Informarsi al riguardo è corretto ma ricordatevi che la consulenza di un medico è sempre la strada più corretta. Esistono centri diurni che possono aiutare le famiglie (figli, nipoti e cargiver) a prendersi cura dei parenti anziani.

Temperature elevate, afa ed umidità possono causare malessere fisico a chiunque, in particolare ai soggetti più fragili come gli anziani.

Ecco perché è fondamentale curare la loro alimentazione estiva, assicurandosi che sia sana, equilibrata e che li mantenga idratati ed in forze.

Prima di tutto l’idratazione

L’idratazione fornita sia dal cibo che dall’acqua è infatti un aspetto da non sottovalutare. Le persone di età avanzata tendono a bere meno, in quanto lo stimolo della sete diminuisce con il passare degli anni. Al fine di evitare la disidratazione e le sue gravi conseguenze, occorre ricordarsi di bere almeno 2 litri d’acqua al giorno in estate (1 bicchiere pieno all’ora per un totale di 10-12). Oltre a quest’ultima, per variare, si possono consumare tisane, succhi di frutta (senza zuccheri aggiunti) e centrifughe, tutti preferibilmente a temperatura ambiente per facilitare l’assorbimento da parte del corpo e ridurre il rischio di congestione.

Al contrario, è bene ridurre al minimo il consumo di bibite gassate ed alcoliche, nonché di caffè, poiché aumentano la temperatura corporea di chi li assume. 

Abbiamo parlato di cosa bere in un precedente articolo. Approfondisci qui: https://www.geriatriko.com/salute-benessere-anziani/come-aiutare-gli-anziani-con-il-caldo-estivo

L’alimentazione

Per quanto concerne gli alimenti, si sa: mangiare frutta e verdura in abbondanza è un’ottima abitudine, specialmente nei mesi più caldi. Esse infatti contengono molta acqua, aiutando così l’idratazione corporea, ma anche vitamine, sali minerali ed antiossidanti, utili a dare energia ed a rallentare l’invecchiamento fisico e mentale.

Inoltre, per rafforzare le ossa prevenendo i reumatismi, è necessario integrare l’apporto di ferro e calcio. Questi nutrienti si possono facilmente reperire in: latticini, pesce, legumi, uova, carne (più salutare e leggera se bianca), spinaci, frutta secca (ottimo spuntino) e cereali integrali. Questi ultimi ed i legumi sono particolarmente ricchi di fibre, necessarie per un regolare transito intestinale.

Distribuzione dei pasti

Durante una giornata tipo si consiglia di consumare una sola volta i carboidrati di pasta o riso, che danno energia ma possono risultare pesanti da digerire. Per questa ragione è bene condirli con sughi leggeri, meglio se non confezionati. Nell’altro pasto principale, invece, prediligere carne bianca o pesce o uova o legumi, con formaggio fresco (meno salato di quello stagionato), o verdure in abbondanza. 

In linea generale è bene evitare piatti pesanti, specialmente a cena, considerando che gli anziani hanno un metabolismo più lento ed una digestione più lunga, e preferire dei piccoli spuntini a metà mattina e nel pomeriggio.

La colazione e le suddette merende rappresentano un’occasione per gustare yogurt, frutta fresca, pane integrale e marmellata ad alto contenuto di frutta e, ancora, muesli di cereali che si può preparare in casa per renderlo più sano.

Va inoltre detto che di tutti gli alimenti consigliati esistono versioni e tipologie di cottura che li rendono più morbidi e facilmente masticabili per coloro che hanno problemi dentali, frequenti nella terza età.

Integratori alimentari

Infine, se pur seguendo un regime alimentare equilibrato e sano ci si sente spesso spossati e/o inappetenti, è consigliabile consultare il proprio medico chiedendo consigli su eventuali integratori da assumere. È infatti comune una carenza di sali minerali e vitamine negli anziani, soprattutto nei mesi caldi, che si possono reintegrare in modo semplice e naturale grazie a questi prodotti da banco.

Al contempo, passeggiare al sole è una buona idea per rafforzare le ossa, limitare i reumatismi e migliorare l’umore, ma pur sempre con protezione 50+, evitando le ore più calde del giorno e idratandosi spesso per limitare la conseguente spossatezza.

Lo yoga è un’antica disciplina nata in India nel 5000 a.C., le prime testimonianze e raffigurazioni si trovano infatti nelle monete locali dell’epoca. Esso ricopre tutt’oggi una posizione di rilievo tra le pratiche sportive e si è diffuso dall’Oriente all’Occidente, dando vita a numerose scuole di yoga.

Da un viaggio si torna sempre arricchiti: nuovi luoghi meravigliosi, nuove culture, nuove usanze, nuove persone e nuove ricette, il tutto diverso da ciò a cui si è abituati nella quotidianità. Il termine “diverso” può spaventare, specialmente chi è molto radicato nella propria terra e abitudini. Tuttavia, uscendo dalla propria zona di comfort almeno una volta, si realizza che c’è un mondo là fuori che merita di essere visto. Vi assicuro che è sufficiente una sola esperienza positiva per innamorarsi dell’idea di viaggiare e continuare a farlo non appena possibile. Esistono infatti numerose tipologie di viaggio, dalla più alla meno avventurosa, ma ciò che le accomuna è il fatto di evadere dalla quotidianità, rilassarsi e/o mettersi alla prova in un contesto differente.

“Prevenire è meglio di curare” ... Quante volte avete sentito questo detto? Scommetto tante e in effetti è proprio vero! Un po’ come per le rughe o, parlando in termini più seri, per certe patologie, una volta insorte è più difficile sconfiggerle rispetto a quanto sarebbe stato prevenirle.

Il corpo è la nostra casa, la mente è il carburante per farlo muovere e vivere. Più ci sentiamo in forma, più è semplice affrontare la vita con la giusta grinta. Il minimo che possiamo fare per ringraziare il nostro corpo e la nostra mente è prendercene estrema cura.

La figura del caregiver è sempre più diffusa e indispensabile, tuttavia vi è ancora molta confusione per quanto riguarda la sua esatta definizione, il suo inquadramento a livello legislativo ed i suoi compiti.

L'invecchiamento della pelle è un processo naturale e inevitabile del corpo. Lo vediamo e tutti, è innegabile, dobbiamo affrontarlo. Il problema di base per l'invecchiamento della pelle è come rallentare il più possibile questo processo: vedremo alcune soluzioni per evitare alcuni gravi problemi della pelle come, ad esempio, la secchezza.